Imperial Free City of Warburg

Freie Reichsstadt Warburg
10th century–1802
Status Free Imperial City of the Holy Roman Empire
Capital Warburg
Government Republic
Historical era Middle Ages
• Antica Città fondata
prima 1036 10 ° secolo
• unione Personale con
Bp Paderborn
1020s
1180
• è Entrato Anseatica di Lg.
1364
• Annexed to Brunswick
1622–48
• Mediatised to Prussia
1802
• Annexed to Westphalia
1807–15
Succeeded by
Regno di Prussia

PrehistoryEdit

Nel 4 ° millennio A.C., c’era un monumento megalitico cultura in Warburg zona.

Protostoria

Nel I secolo DC, c’erano coloni germanici a sud del Desenberg.

Medioevo

Nell’viii secolo, c’era una sede nobile sassone ad ovest della città. Nei secoli 8 e 9 arrivò la cristianizzazione dei Sassoni nell’area di Diemel.

Il nome Warburg fu menzionato per la prima volta in un documento intorno al 1010, anche se i reperti archeologici hanno stabilito che c’erano già persone che vivevano in quella che oggi è Warburg in epoca protostorica. La prima menzione documentale definitiva è venuto nel 1036.

, il centro Storico di Warburg, con vista alla Chiesa Luterana

Nel 11 ° secolo ci fu la Warburger Burgberg (“Castello di Montagna”) il “Wartburg”, sotto la cui protezione la gente si stabilirono. Il castello fu inizialmente di proprietà del conte Dodiko, la cui proprietà, secondo i documenti, passò nel 1020 al vescovo di Paderborn quando l’unico figlio del conte incontrò la sua fine in un incidente. Alla fine, tra il 1021 e il 1033, l’imperatore concesse ulteriormente al vescovo i diritti del Conte. Circa 1180, il centro storico è stato concesso diritti di città.

Dalla collina del castello, c’era una buona vista sulla valle di Diemel, tale che si poteva tenere d’occhio il guado che i mercanti dovevano attraversare andando a Warburg e Paderborn. Questo guado sul Diemel era un crocevia di diverse antiche strade commerciali ed è stato fondamentale per lo sviluppo della città in un luogo centrale. La nuova città di Warburg fu fondata nel 1228-29 da Bernhard IV. zur Lippe, vescovo di Paderborn, per rafforzare la sua posizione politica nella zona di Diemel contro l’invasione da parte del vescovo di Colonia. Intorno al 1239, la Nuova città era stata costruita in una città completa a sé stante, e gli abitanti della città avevano pieni diritti civili dopo i modelli di Dortmund e Marsberg. Nel 1260, alla Città Nuova fu concesso il diritto di costruire una cinta muraria, non solo contro gli eserciti da lontano, ma anche – espressamente – contro la Città Vecchia.

Nel 1364, sia la Città Vecchia che la Città Nuova divennero membri della Lega Anseatica. Nel 1436, avevano dimenticato le loro differenze, unendo quell’anno in un’unica città.

l’Unificazione dei due townsEdit

Intonaco timbro della tenuta di Warburg Nuova Città sotto il documento costituzionale “Der Grote Breff” dal 1436

Le due città, la Città Vecchia e la Città Nuova, entrato nel 1436 in una città. In Der Grote Breff (“La grande lettera”), la costituzione della città appena unita è stata precisamente incorniciata e sigillata. I sigilli di entrambe le ex città sono visibili sulla Grande Lettera. Sul sigillo fuso (nella foto), si vedono due torri difensive a doppia parete. Sotto la porta della città si trova il vescovo di Paderborn con un bastone. La circoscrizione recita: “Sigillium burgensium in wartborch”. La Grande Lettera è scritta in medio basso tedesco, lingua della Lega anseatica, e si erge come un documento giuridico sostanziale.

Municipio Tra i Comuni di Warburg, costruita nel 1568

Finora, la Città Vecchia e la Città Nuova del consiglio le riunioni hanno avuto luogo nei rispettivi municipi, ciascuno sul loro rispettivi mercati. Ora, però, c’erano due sindaci. Questo è stato risolto consentendo a ciascun sindaco di guidare la città unificata per metà dell’anno. Inoltre, entrambi i municipi sono stati utilizzati per le riunioni del consiglio, sempre per metà dell’anno. Tuttavia, il problema di avere due municipi non fu completamente risolto fino a 132 anni dopo che le due ex città si erano fuse. Solo allora, nel 1568, fu costruito il nuovo Rathaus Zwischen den Städten – Municipio tra le città.

Il Municipio, sotto forma di edifici rinascimentali conservati, fu costruito proprio sull’ex confine tra le due ex città, con due ingressi separati per Altstädter e Neustädter (“Old Towners” e “New Towners”). Nel 1902-03, fu ampliato con un pavimento a graticcio. Si trova proprio dove un tempo sorgeva un cancello, il Liebfrauentor (approssimativamente, “Porta della Madonna”). Nel Medioevo, questa era l’unica porta d’accesso tra le due città allora separate.

L’ex Municipio della Città Vecchia, ristrutturato nel 1973, oggi serve scopi gastronomici e residenziali. L’ex municipio della Città Nuova serviva a vari scopi che andavano dalla cantina del Municipio alla sala delle assemblee al mercato prima che dovesse essere abbattuto nel 1803 possedendo la decrepitezza.

Nel 1975, dopo che le comunità del vecchio Amt di Warburg-Land furono accorpate a Warburg, ci fu un altro superbo edificio governativo, vale a dire l’Amt administration building sulla Kasseler Straße, che fu abbandonato dalle autorità distrettuali a favore della Behördenhaus (“Casa delle autorità”) sulla Bahnhofstraße.

Tempi modernimodifica

Matthäus Merian: Warburgum. Incisione dalla Topographia Westphaliae dal 1647

All’inizio del xvii secolo, Warburg era una città commerciale ben nota e ricca. Al di fuori delle mura della città è sorto “die Hüffert” come una nuova parte della città. Nella guerra dei Trent’anni, gran parte di die Hüffert e altri villaggi della zona furono saccheggiati e distrutti, impoverendo la città. Nel 1622, la città fu conquistata da Cristiano il Giovane di Brunswick, vescovo di Halberstadt, che a volte è chiamato in tedesco der tolle Christian – “Cristiano il pazzo”. Nel 1628, la città stava cambiando i signori e gli eserciti di occupazione ripetutamente mentre la guerra si trascinava, finendo in mani imperiali quando la guerra finì nel 1648.

Il 5 giugno 1695, Johann Conrad Schlaun nacque a Nörde nei pressi di Warburg (oggi una delle comunità costituenti di Warburg).

Rievocazione storica per il 250 ° anniversario della Battaglia di Warburg

il 31 luglio 1760, durante la Guerra dei Sette Anni, Warburg fu teatro di una battaglia che ora porta il suo nome. Ventiquattromila truppe prussiane, hannoveriane, dell’Assia e britanniche combatterono sotto il principe Ferdinando di Brunswick e il principe ereditario di Assia-Kassel (o Assia-Cassel) contro un esercito francese di 21.500 soldati guidati dal tenente generale Le Chevalier du Muy e dal duca di Broglie. I prussiani e i loro alleati vinsero, uccidendo 8.000 soldati francesi e perdendone solo 1.500, lasciandoli liberi di saccheggiare la città. Una torre sul Desenberg ricorda la battaglia di Warburg.

Il 3 agosto 1802, le truppe prussiane entrarono a Warburg in previsione delle decisioni della Mediatizzazione tedesca (Reichsdeputationshauptschluss). Dal 1807 al 1813, in epoca napoleonica, Warburg appartenne al Regno di Vestfalia. Dopo il Congresso di Vienna nel 1815, Warburg fu nuovamente assegnato alla Prussia. L’anno successivo, divenne una sede distrettuale.

Nel 1850 fu aperta la ferrovia da Hamm. Nel 1892 – 244 anni dopo che era finita-Warburg finalmente pagato l’ultimo dei debiti che aveva sostenuto a causa della guerra dei Trent’anni.

Nel 1933, alle elezioni di marzo, il Partito di Centro ottenne il 67,2% dei voti a Warburg contro il 21,8% del NSDAP.

Durante la seconda guerra mondiale c’era un campo di prigionieri di guerra Oflag VI-B nel sobborgo di Dössel. 20 September 1943, 47 ufficiali polacchi fuggirono attraverso un tunnel. 37 furono ricatturati e giustiziati dalla Gestapo.

Il 1 aprile 1945, Warburg fu catturato dalle truppe americane.

Il 1º gennaio 1975 avvenne la riorganizzazione municipale, che vide 16 comuni precedentemente indipendenti fusi in una nuova grande città di Warburg. Inoltre, i distretti di Warburg e Höxter furono uniti, prendendo il nome di quest’ultimo. Nel 1983, Warburg divenne un membro fondatore della Lega Anseatica Wesfaliana (Westfälischer Hansebund).

Storia dei distrettimodifica

WeldaEdit

Le terre intorno alla comunità costituente di Warburg di Welda, una volta città di confine tra Westfalia, Waldeck e Assia, hanno prodotto prove archeologiche di una presenza celtica. È stato confermato che il villaggio fu visitato una volta nel 1856 dal principe ereditario Friedrich Wilhelm, che divenne l ‘ “imperatore novantanove giorni”, Kaiser Friedrich III. Egli ha presentato la chiesa con un calice Comunione. Dopo la seconda guerra mondiale, nel 1945, c’era un campo di prigionia americano a Welda con circa 80.000 prigionieri di guerra tedeschi.

WormelnEdit

Allo stesso modo, l’area circostante di Wormeln ha prodotto reperti archeologici che indicano un antico insediamento.

Si ritiene che ci sia stata una parrocchia a Wormeln da circa 780, con patroni della chiesa Simone lo Zelota e Giuda. Wormeln ha avuto la sua prima menzione documentaria nel 1018 in un documento di donazione dal conte Dodiko a Meinwerk, vescovo di Paderborn.

Verso il 1246, i conti di Everstein fondarono il Convento cistercense di Wormeln delle “Monache dell’Ordine Grigio” cistercensi. Il 16 settembre 1810, Jérôme Bonaparte, re di Vestfalia in epoca napoleonica, decretò lo scioglimento del convento.

popolazionemodifica

( ogni volta al 31 dicembre)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.