Top 10 Most Beautiful Acoustic Guitar Songs

acoustic guitar songs

La musica rock è impensabile senza la chitarra elettrica, giocando ad un volume assordante. Ma mentre il rock è diventato più duro, ha anche sviluppato un’alternativa più morbida sotto l’influenza della musica folk: la canzone che è accompagnata da una chitarra acustica. Ballate su crepacuore o incidente. Quali sono le dieci canzoni più belle con una chitarra acustica?

10. Metallica-Nothing Else Matters

Il quinto album della metal band Metallica, che prende il nome dalla band stessa, ma meglio conosciuto come The Black Album , ha costituito una rottura di stile su una serie di punti. La band aveva flirtato con la forma ballata prima, ma” Nothing Else Matters ” continuò omettendo qualsiasi influenza metal. Il cantante James Hetfield sa che la canzone è diversa e canta consapevolmente: “Non mi sono mai aperto in questo modo.”Una buona scelta perché” Nothing Else Matters ” è diventato un grande successo.

9. Eric Clapton-Tears in Heaven

Eric Clapton è stato conosciuto per decenni come un leggendario chitarrista rock. Eppure una delle sue canzoni più famose è suonata con la chitarra acustica. Clapton ha scritto la canzone in memoria di suo figlio di quattro anni Conor che è morto nel 1991 dopo una caduta da un grattacielo. L’accompagnamento acustico si adatta perfettamente alla voce modesta. La versione che Clapton ha suonato per MTV Unplugged, un programma specializzato in esibizioni acustiche, potrebbe essere diventata ancora più famosa della versione originale.

8. Bob Dylan-Blowin ‘ in the Wind

Bob Dylan divenne famoso in tutto il mondo come cantante folk che, all’inizio della sua carriera, si accompagnava solo con un’armonica e una chitarra acustica. Il suo successivo passaggio alla chitarra elettrica è stato visto come un tradimento dai puristi popolari. Una delle canzoni più note di Dylan è “Blowin” in the Wind, 1962. Con il suo testo interrogativo e la conclusione misteriosa, la canzone è diventata una canzone preferita durante le proteste per la parità dei diritti civili. Un numero chiave degli anni Sessanta che è stato suonato da innumerevoli persone con una chitarra acustica.

7. Neil Young-The Needle and the Damage Done

Neil Young si è fatto un nome come cantante folk negli anni ‘ 60. Negli anni successivi si è rivelato un chitarrista eccitante. Nell’album di successo Harvest (1972) il suo suono è improvvisamente più sommesso grazie all’uso della chitarra acustica. “The Needle and the Damage Done” è una delle canzoni più oneste sull’uso di droghe. Young canta solitario con una chitarra acustica sul caos causato dall’eroina nella sua cerchia di amici. Era così soddisfatto di una versione live della canzone che l’ha appena inserita nell’album.

6. Johnny Cash-Hurt

https://www.youtube.com/watch?v=vt1Pwfnh5pc

Il cantante americano Johnny Cash ha belle canzoni a suo nome in cui canta di soggetti oscuri con la sua voce pesante e chitarra acustica. Un anno prima della sua morte nel 2003, si avventurò in una cover della canzone “Hurt” del gruppo industriale Nine Inch Nails. Cash sa come trasformare la canzone a modo suo e trasformarla in una triste retrospettiva della sua vita. Raramente una canzone acustica suonava così intensa.

5. Fleetwood Mac-Frana

Fleetwood Mac si reinventò a metà degli anni 1970 grazie ad una serie di nuovi membri tra cui la coppia Stevie Nicks e Lindsey Buckingam. Grazie al nuovo ingresso, la band sarebbe cresciuta in uno dei gruppi di maggior successo di tutti i tempi, con problemi coniugali all ” interno della band fornendo belle canzoni. “Landslide” è uno dei primi contributi del cantante Stevie Nicks ed è diventato un favorito del pubblico. Trattenuto, Nicks canta dell’incertezza che prova sulla sua relazione e sulla minaccia di fallimento come cantante, la sensazione che una valanga la seppellirà.

4. The Rolling Stones-Angie

Questa romantica canzone dei Rolling Stones del 1973 è spesso considerata l’ultima ballata rock. La chitarra acustica suona intima e la voce ha affascinato molti ascoltatori nel corso degli anni. Non è Keith Richards che piange dolcemente, ma una traccia di una sessione di pratica precedente che Mick Jagger aveva cantato. Inoltre, alla gente piaceva speculare sull’identità di Angie. Era la moglie di David Bowie? La figlia appena nata di Keith Richards? O come l’autore avrebbe dichiarato anni dopo nella sua biografia, eroina? Comunque, “Angie” diventerebbe un vero classico del falò.

3. Bob Marley-Redemption Song

https://www.youtube.com/watch?v=OFGgbT_VasI

Nel 1979 reggaester Bob Marley è stato detto che era affetto da cancro. L’anno seguente avrebbe pubblicato il suo ultimo album su cui la completamente acustica “Redemption Song” ha immediatamente catturato l’attenzione. “Redemption Song” è un testamento musicale in cui Marley esorta l’ascoltatore a liberarsi dalla schiavitù spirituale e allo stesso tempo conclude che ha sempre cantato canzoni sulla libertà. Un numero personale intenso che offre un comfort universale.

2. The Beatles-Yesterday

https://www.youtube.com/watch?v=rRen3jDqViI

Paul McCartney ascoltò la melodia di “Yesterday” in un sogno e temette per un po’ di tempo di aver inconsapevolmente commesso plagio. Alla fine ha osato fare una canzone di esso e sarebbe diventato un classico, non solo dai Beatles, ma della musica pop in generale. La semplice guida e il tema universale di guardare indietro a una relazione interrotta hanno assicurato che “Yesterday” è stato registrato più di 2000 volte da altri artisti.

1 Pink Floyd – Wish You Were Here

La title track del nono album dei Pink Floyd sembrava essere un po ‘ nascosta tra il rock progressivo strettamente prodotto. Molto lentamente la fama della canzone è aumentata e negli ultimi anni è stata considerata la canzone per chitarra acustica definitiva. Come molte canzoni dell’album, “Wish You Were Here” parla di perdita, solitudine e soprattutto della mancanza del membro della band originale Syd Barrett, che ha lasciato il gruppo dopo un eccessivo uso di droghe. La base acustica di “Wish You Were Here” è abbastanza facile da suonare, ma i Pink Floyd vestono la canzone con tipici effetti sonori. In questo modo la canzone si presenta come se fosse trovata da un ascoltatore alla radio. Il chitarrista e cantante David Gilmour suona i primi accordi su una chitarra a 12 corde, seguita da una versione completa su una chitarra acustica convenzionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.