Programma di trapianto di reni e pancreas

Arundi Mahendran, MBBS preparazione di un organo per il trapianto Arundi Mahendran, MBBS, MRCS, MSc è un chirurgo dei trapianti e un cantante affermato. Originario di Londra, il Dr. Mahendran ha completato la sua residenza di chirurgia generale presso l’University College di Londra e una borsa di studio in chirurgia del trapianto addominale presso il NewYork-Presbyterian Hospital. Un recente episodio di NY Med ha seguito il Dott. Mahendran come ha collaborato su un trapianto di fegato donatore vivente in cui un fratello ha donato una porzione del suo fegato per l ” altro. In questo articolo di opinione, il Dr. Mahendran sfida i seguaci a impegnarsi in un diverso tipo di discussione quando si tratta di donazione di organi.

Donazione di organi è roba calda! Slogan e pubblicità urlano: “Gli organi salvano vite! Registrati come donatore ora!”Ma i sondaggi mostrano che la maggior parte delle persone che scelgono di non essere donatori non hanno pensato alla domanda o sono scoraggiati dall’incertezza su ciò che il processo significa per loro.

Da bambino, ero piuttosto testardo. Non ho risposto bene ad essere detto cosa fare, né come pensare. Sono stato un inferno a capire le cose per me stesso. Pertanto, questo articolo non è progettato per dirti che dovresti diventare un donatore di organi. Chiedo semplicemente che pensi per te stesso e consideri la seguente domanda:

Cosa significa per TE essere un donatore di organi?

Le persone diventano donatori per vari motivi; alcuni lo fanno perché hanno visto morire un amico in attesa di un trapianto, altri perché vogliono restituire alla società. Ci sono donatori che la descrivono come opera di Dio, e altri ancora che la faranno per salvare la vita di una persona cara. Quale sarebbe la tua motivazione, se scegliessi di essere un donatore?

NY Med ha caratterizzato sia il trapianto di donatore vivente (in cui una persona vivente dona una parte del proprio fegato o uno dei propri reni) sia il trapianto di donatore deceduto (in cui gli organi vengono donati in base alla decisione precedente della persona di donare o alla decisione della famiglia). Ora chiediti, cosa faresti se tuo padre avesse bisogno di un nuovo rene? Come reagirebbe la tua famiglia se tu fossi coinvolto in un incidente mortale? Tu (e loro) acconsentiresti che i tuoi organi vengano usati per aiutare le persone? Cosa rende riluttanti te e la tua famiglia? Potresti chiederti perché insisto a porre domande così morbose ai lettori che non sono né malati né morenti! La semplice ragione è che impegnarsi con la famiglia, amici, vicini di casa, e colleghi di lavoro in un ambiente aperto e franco permette di essere riflessivo sui fatti e chiaro circa le vostre motivazioni. Questo è di gran lunga preferibile al centro dello scenario notturno, quando una persona cara improvvisamente muore o viene dichiarata morta cerebrale. Prendere questa decisione, quando sei completamente devastato dalla perdita e distrutto dal dolore, è straordinario per me. Perché non pensare a questi problemi quando sei sano di mente e corpo e in grado di discutere i tuoi desideri con quelli più vicini a te?

Contenitore per trapianto di organiCosa scoraggia i potenziali donatori di organi? Il primo problema è la paura per il loro destino! La gente si preoccupa che in caso di una condizione pericolosa per la vita, gli operatori sanitari non lavoreranno duramente per salvare la loro vita se hanno già firmato come donatore di organi. La verità non potrebbe essere più lontana da questa paura, vi posso assicurare. Medici e infermieri coinvolti nelle cure di emergenza sono dedicati a lottare per la tua vita; questo è il loro obiettivo primario, sempre. Inoltre, non hanno alcuna associazione con i servizi di trapianto. Alcune persone sono preoccupate che possano essere troppo vecchie o malsane per diventare donatori. Ma chiunque può scegliere di essere un donatore di organi, non c’è un limite di età. Se un potenziale donatore ha avuto una condizione medica, non li esclude necessariamente dalla donazione. I medici faranno quella chiamata al momento della morte. Le persone con forti credenze religiose possono preoccuparsi di andare contro gli insegnamenti religiosi accettando di donazione. Interagisci con i tuoi leader di fede e cerca una guida su come la donazione di organi è vista all’interno del tuo sistema di credenze.

Il numero di persone in attesa di un trapianto negli Stati Uniti equivale all’intera popolazione di Berkeley, in California (100.000). Mentre ci sono molte terapie sostitutive come la dialisi e farmaci speciali, questi trattamenti non sono una panacea. L’unico trattamento definitivo per l’insufficienza d’organo allo stadio finale è il trapianto; senza di esso, le persone muoiono. Quindi, torno alla prima domanda che ho posto: cosa significa per TE essere un donatore? Non lasciatevi scoraggiare dai miti e dalle idee sbagliate che circondano la donazione di organi. Fai domande, richiedi risposte, fai la ricerca e scopri la tua opinione sulla donazione di organi.

Fai una scelta informata con cui ti senti a tuo agio, ma pensa alla domanda. Questo è tutto ciò che ogni essere umano può chiederti.

Per ulteriori informazioni su come diventare un donatore di organi, visitare il sito: https://www.nyp.org/transplant

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.