Presentazione del Podcast Atlas Obscura

Nel centro della piazza principale di Montevideo si erge un’imponente statua di José Artigas, uno degli eroi nazionali più celebri dell’Uruguay. E sotto questa statua si trova il suo mausoleo, doverosamente protetto da una guardia d’onore.

Al centro di Plaza Independencia, la piazza più importante della capitale, troverete una statua equestre in bronzo di Artigas, il soldato e leader rivoluzionario che è considerato il padre dell’indipendenza uruguaiana. La statua si erge in cima a una grande base di granito grigio, l’intero monumento pesa 30 tonnellate e raggiunge un’altezza di 56 piedi.

Non si può perdere quando si entra nella piazza, ma si potrebbe perdere ciò che è nascosto sotto di essa: il Mausoleo de Artigas, una camera sotterranea che contiene le spoglie del leader rivoluzionario.

Il mausoleo fu inaugurato nel 1977 durante la presidenza de facto di Aparicio Méndez, un politico non democraticamente eletto che salì al potere durante la dittatura civile-militare dell’Uruguay. Comprensibilmente, non è mancata l’ironia quando una figura politica come Méndez ha inaugurato il mausoleo di un soldato che ha combattuto per la libertà e la democrazia.

E poiché il mausoleo fu aperto durante una dittatura, la tomba stessa è nettamente inferiore alle citazioni per cui Artigas era così famoso. Le pareti interne del mausoleo cupo e scarsamente illuminato sono coperte da iscrizioni in riferimento agli eventi della vita di Artigas, ma le sue parole effettive sono state ritenute troppo infiammatorie dalla dittatura, e quindi nessuna appare nel mausoleo.

Al centro del mausoleo si trova l’urna contenente i resti di Artigas, alloggiata in vetro e illuminata dall’alto. Giorno e notte, i resti sono custoditi dalle Blandengues de Artigas, un reggimento militare chiamato in onore di Artigas nel 1910. Due Blandengues stanno sempre di guardia ai lati dell’urna, vegliando sul luogo sacro di riposo dell’eroe nazionale dell’Uruguay.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.