Perenne della settimana: Mountain Mint

Mountain mint (Pycnanthemum muticum) sta fiorendo ora ed è coperto da una spettacolare varietà di farfalle, api e vespe. Questa pianta è anche chiamata menta di montagna a denti corti o menta di montagna in cluster. Si tratta di un ciuffo-formando perenne che cresce in genere 2 – 3′ di altezza. È originario dell’Ohio dove cresce tipicamente in luoghi erbosi aperti, prati, campi e aree boschive.

Questa pianta è stata utilizzata dai nativi americani per il trattamento di febbri, raffreddori, dolori allo stomaco e altri disturbi fisici minori. La menta di montagna è facilmente coltivata in pieno sole all’ombra di parte con umidità da umida a media e in terreni ben drenati. La fioritura più prolifica avviene in pieno sole ma mountain mint si comporta bene anche in ombra luminosa. In condizioni ottimali la menta di montagna può essere un vigoroso coltivatore che si diffonde per rizomi ma nonostante il suo nome non è invasiva come molte delle vere zecche del genere Mentha. La menta di montagna può essere propagata per seme o divisione.

Le foglie di questa pianta sono di un azzurro-verde pallido con una consistenza vellutata che incornicia le teste rotonde dei minuscoli fiori bianchi. Pycnanthemum deriva dalle parole greche pyknos che significa denso e anthemion che significa forme floreali in un cluster radiante piatto, intimando perché queste piante possono ospitare una vasta gamma di impollinatori allo stesso tempo. Mountain mint è una grande aggiunta al vostro paesaggio, ma funziona meglio quando ha permesso di naturalizzare in giardini di piante native, giardini di erbe, giardini di farfalle o prati.

origimage_24_n16016.JPG

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.