Gestire la tua malattia autoimmune durante i giorni più caldi dell’estate

Martedì 4 agosto 2020

I giorni più caldi dell’estate possono farti ammalare se hai una malattia autoimmune?

  • il calore Eccessivo può innescare la malattia autoimmune flare-ups
  • l’Esposizione ai raggi UV e alle temperature estreme causa l’infiammazione e peggiora i sintomi

Quando funziona correttamente, il vostro sistema immunitario è come un esercito in miniatura che va alla guerra contro stranieri cellule, batteri e virus nel vostro corpo. Quando hai una malattia autoimmune, quell’intero processo viene buttato fuori di colpo e il tuo sistema immunitario attacca le cellule sane per errore.

Per molte persone con una malattia autoimmune, il caldo estremo dell’estate peggiora i loro sintomi. Può innescare fiammate che includono affaticamento eccessivo, dolori muscolari, dolore, infiammazione e gonfiore.

Questo video spiega cosa succede quando si ha una malattia autoimmune:

Fonte: Yahoo.com/lifestyle

Ci sono più di 80 tipi di malattie autoimmuni e possono presentarsi ovunque nel tuo corpo. I disturbi autoimmuni comuni includono:

  • Artrite reumatoide
  • Lupus
  • Malattie della tiroide
  • Psoriasi
  • Diabete di tipo 1
  • Celiachia
  • Hashimoto

Quali sono le fiammate? Perché sono peggio quando fa caldo?

I razzi o le fiammate sono un classico segno di una malattia autoimmune. Intensificano i sintomi, causano nuove sfide per la salute e mettono ulteriore stress sul tuo sistema autoimmune già malfunzionante. La mancanza di sonno e lo stress sono due dei trigger più comuni per flare-up, ma una vasta gamma di fattori può avere un impatto come ci si sente.

Il sole e le alte temperature spesso aumentano il potenziale di razzi. Quando la luce ultravioletta (UV) colpisce la pelle, provoca naturalmente infiammazione e crea una reazione a catena di sintomi.

Il sole e le alte temperature spesso aumentano il potenziale di razzi. Quando la luce ultravioletta (UV) colpisce la pelle, provoca naturalmente infiammazione e crea una reazione a catena di sintomi. La ricerca mostra cambiamenti climatici estremi, come temperature o umidità eccessivamente elevate, possono innescare fiammate. I risultati possono includere eruzioni cutanee, febbre, mal di testa, dolori articolari e sensibilità al sole.

Uno studio pubblicato di recente indica che l’esposizione a un tipo di luce UV—chiamata far-UVC light—può ridurre il numero di virus nell’aria. Ciò potrebbe fornire un certo livello di protezione contro diverse condizioni che influenzano il sistema immunitario, come il coronavirus (COVID-19). Anche se questa ricerca mostra qualche promessa per il trattamento di COVID-19, volutamente esporsi a calore aggiuntivo e raggi UV potrebbe peggiorare i sintomi e innescare un flare autoimmune.

Come posso battere il calore?

L’estate non deve essere la tua stagione preferita quando hai una malattia autoimmune. Prendendo alcune precauzioni di base per ridurre al minimo l’impatto del calore può aiutare a godere anche i giorni più caldi.

Evita picchi di calore

Non devi essere un chiuso, ma considera di stare in casa in un’atmosfera controllata dal clima durante la parte più calda della giornata.

Pianificare in anticipo

Se sai che stai andando da qualche parte che è probabile che sia scomodamente caldo, portare con sé gel impacchi di ghiaccio e acqua ghiacciata. Un piccolo ventilatore portatile può essere un accessorio ideale per il tuo guardaroba estivo.

Vestire per il successo

Indossare abiti che offrono protezione dai raggi del sole. Tessuti traspiranti come il cotone, lino, o rayon miscele possono aiutare a mantenere la pelle fresca mentre si schermatura da esposizione alla luce UV. Se si dispone di estrema fotosensibilità, indumenti protettivi che blocca i raggi dannosi possono valere l’investimento.

Bevi

Bere molta acqua è un’ottima abitudine da avere indipendentemente dalla temperatura, ma è particolarmente essenziale quando il calore può portare più rapidamente la disidratazione e peggiorare i sintomi.

Non dimenticare la protezione solare

Indossare la protezione solare ogni giorno e riapplicarla ogni due ore o giù di lì quando è davvero soleggiato. Se si mantiene la protezione solare in frigo, può aiutare a raffreddare mentre aumentando la protezione contro la luce UV.

La malattia autoimmune non deve rovinare la tua estate. Adottare misure proattive per ridurre al minimo l’impatto del calore può aiutarti a vivere una vita attiva e sana, indipendentemente da ciò che dice il termometro.

Ottieni informazioni rilevanti e aggiornate sul coronavirus (COVID-19) da Providence.

Se hai bisogno di cure, non ritardare. Scopri di più sulle tue opzioni.

Trova un medico

Gli esperti di malattie autoimmuni di Providence comprendono l’impatto che la malattia autoimmune ha sulla tua vita in ogni stagione. Attraverso Providence Express Care virtuale, è possibile accedere a una gamma completa di servizi sanitari. Se avete bisogno di trovare un medico, è possibile utilizzare la nostra directory provider o cercare uno nella vostra zona.in questo modo si può ottenere il miglior risultato possibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.