Baby Naming During COVID

All’inizio di marzo, mentre la pandemia ruggiva in tutta la Georgia e il paese, i piani per le celebrazioni del nome del bambino delle figlie appena nate hanno improvvisamente cambiato rotta per molti dei genitori ebrei di Atlanta. Il nome del bambino è anche conosciuto come un pipistrello simchat (gioia della figlia) o brit bat (patto della figlia). Con la flessibilità integrata in questa nuova tradizione per le bambine ebree-in contrasto con il più tradizionale e biblicamente basato brit milah o la circoncisione per i ragazzi otto giorni dopo la nascita-un certo numero di cerimonie di denominazione bambino Atlanta sono state rinviate con le famiglie speranza potrebbe riprogrammare per una data futura.

I nomi dei bambini moderni, con radici nel movimento femminista degli anni ‘ 70, rivelano una vasta gamma di inventiva quando si tratta di accogliere una figlia nella comunità ebraica. Queste cerimonie innovative vanno oltre la semplice spiegazione dell’origine del nome del bambino, in genere portando avanti l’eredità di un membro della famiglia deceduto. Gli abbellimenti cerimonia includono la creazione di un chuppah o tallit speciale per la famiglia per raccogliere sotto, o candele di illuminazione.

Thea Rose Benson, figlia di Jaime e Eric Benson, è nata il 2 luglio 2020. Jaime intendeva sempre avere una denominazione per la figlia per continuare una tradizione di famiglia che includeva la denominazione del bambino di Jaime nel 1983 a Long Beach, Long Island.

Ricevi la Newsletter AJT via e-mail e non perdere mai le nostre top storiesFree Iscriviti

I Bensons pianificarono di avere il nome del bambino per Thea alla Congregazione Dor Tamid, la sinagoga Johns Creek della coppia. I nuovi genitori hanno detto che stavano andando a fare affidamento su Rabbi Jordan Ottenstein a CDT per condurre la denominazione del bambino e di offrire i suoi suggerimenti su cosa includere nella cerimonia. Però, COVID trasformato la sua nascita e simchat bat piani sulla loro testa, costringendoli a ritardare qualsiasi decisione di procedere.

Thea Rose Benson aveva una settimana all’inizio di luglio.

Prima di COVID, il piano era di avere il nome del bambino prima che Thea avesse un mese, ma ora non stavano impostando alcuna data perché non sapevano quando un servizio di persona poteva aver luogo. La loro attuale speranza è di avere il nome del bambino durante il primo fine settimana di compleanno di Thea il prossimo luglio in modo che la famiglia a New York, Washington, DC e North Carolina possa viaggiare e partecipare quando COVID-19 non è più una preoccupazione. I Benson hanno detto all’AJT che ” Stiamo pregando che possa essere prima (o addirittura del tutto allora!) ma è fuori dalle nostre mani.”

” La famiglia è la cosa più importante al mondo per noi, quindi qualsiasi futura denominazione del bambino ruoterà assolutamente attorno alle generazioni prima di noi e al posto di Thea in una lunga serie di donne fantastiche”, ha detto Jaime.

I dettagli sulla nonna di Jaime, Dorothy, che Jamie ha descritto come una grande influenza nella sua vita, saranno raccontati durante il pipistrello simchat.

Per onorare un’altra tradizione di famiglia, i Benson possono avere due nomi per bambini: uno a Johns Creek e l’altro in Florida non appena è sicuro in modo che Eleanor Benson, la nonna di Eric, possa partecipare. Poiché non può più viaggiare, i Benson le promisero che avrebbero portato Thea Rose da lei, poiché “ognuno dei nostri sei nipoti e nipoti da quel lato della famiglia aveva nomi nella sua sinagoga in Florida”, ha detto Jaime.

Pensando al futuro, questa madre per la prima volta ha detto che forse avrebbe potuto lavorare con Rabbi Jordan per trovare un modo per incorporare nel simchat bat un tallit che aveva acquistato per se stessa in un recente viaggio in Israele.

La famiglia Garfinkel, che vive a Sandy Springs, ha anche preso la decisione di posticipare il loro simchat bat, non solo una volta, ma due volte. Alla fine di giugno 2019 è nata Poppy Garfinkel.

Poppy e i suoi genitori sono tutti sorrisi una settimana prima del suo primo compleanno nel mese di giugno.

Ma Ali Garfinkel stava attraversando il trattamento del cancro in quel periodo. Una volta che era in remissione, lei e suo marito Marc ha iniziato a fare nuovi piani per la loro figlia Poppy simchat bat. Hanno confermato un ristoratore, ordinato tovaglioli personalizzati, prenotato il rabbino, e inviato un invito e-mail. Poco dopo, la pandemia ascese su Atlanta e in tutto il mondo.

Celebrare la nascita di Poppy con la famiglia e gli amici è stato di nuovo messo in attesa. Un annuncio di cancellazione è uscito per attendere l’evento con una data da determinare.

Mentre i Garfinkel consideravano un evento Zoom, come hanno fatto per il primo compleanno di Poppy a giugno, hanno deciso di posticipare il simchat bat fino a quando non fosse sicuro farlo di persona. Ali ha detto all’AJT, ” C’è qualcosa di significativo e magico, una tradizione speciale radicata nell’ebraismo e nella cultura, che Marc e io vogliamo sentire e condividere con le persone che saranno pilastri nella sua vita.”Anche con l’ultimo rinvio, la coppia ha chiamato i padrini di Poppy, ma non annuncerà ancora il suo nome ebraico fino a quando il pipistrello di simchat non avrà luogo.

I Garfinkel credono che “Mentre la pandemia continua a cambiare e alterare il corso della vita di tutti, ciò che è più significativo in questo momento mentre aspettiamo di celebrare il nome ebraico di nostra figlia, è il tempo che siamo in grado di trascorrere insieme legando come una famiglia e insegnandole le nostre nuove tradizioni familiari.

Un abito perfetto per il papavero è coperto di fiori di papavero.

In che modo altri genitori ebrei di Atlanta stavano pianificando, se del caso, di celebrare la nascita della loro bambina nata durante la pandemia?

“L’arrivo di COVID subito dopo Purim e prima della Pasqua, con le ansie della festa aggiunte alle incertezze della pandemia, ha lasciato la maggior parte delle persone e del clero a rimescolare”, ha detto il rabbino Michael Berger, professore associato del Tam Institute for Jewish Studies presso l’Emory University. “Comprensibilmente si prestava attenzione ai funerali, agli shiva e al lutto piuttosto che alle nascite. Le circoncisioni dovevano avvenire l’ottavo giorno dopo la nascita di un bambino, specialmente per i più tradizionali, ma immagino che per molti, praticamente parlando, fare qualcosa per una bambina non si sentisse così urgente.”

Il rabbino Michael Broyde, un professore di diritto Emory noto come esperto di diritto ed etica ebraica, ha dichiarato all’AJT: “Non esiste una solida tradizione storica su come celebrare la nascita e la denominazione delle bambine nella tradizione ebraica, anche se la nascita di ogni bambino ebreo è sempre stata una fonte di gioia per tutti.”

Jodi Eichler-Levine, professore associato del Dipartimento di Religione alla Lehigh University, sembrava essere d’accordo. “Se non c’è una legge ebraica che vieta qualcosa, c’è più spazio per innovare.”Ha detto che ci è voluto un po’ di tempo perché il nuovo rituale fosse ampiamente praticato, che ha avuto il suo inizio, non in tempi biblici, ma durante la seconda ondata del movimento femminista negli 1970.

Poppy con i suoi genitori.

Un pipistrello simchat accoglie principalmente la bambina nella comunità ebraica. La cerimonia può avvenire a casa propria o in una sinagoga durante un venerdì sera o sabato Shabbat servizio dove il nome ebraico del bambino sarebbe stato annunciato con le parole circa i suoi omonimi.

Non esiste una regola ampiamente accettata su quando tenere questo rituale, secondo gli intervistati e le risorse consultate. Il giorno scelto per la denominazione del bambino varia dall’ottavo giorno, in modo che il bambino abbia vissuto il suo primo Shabbat, a 30 giorni dopo, dando alla madre abbastanza tempo per recuperare le sue forze. Quest “ultimo è il più comune, secondo l” Unione del giudaismo riforma, www.reformjudaism.org/brit-bat-ceremony-welcoming-baby-girl.

Genitori e rabbini continuano a portare la propria creatività nella pianificazione di un pipistrello simchat, ha detto Eichler-Levine. Potrebbero usare oggetti o pratiche di altri rituali come un cuscino speciale per il bambino su cui sdraiarsi, come in una milah britannica, o ha visto video di un pipistrello simchat con un chuppah (come in un matrimonio) tenuto su tutta la famiglia mentre accolgono la loro figlia nel patto. “Il canto è comune, e assolutamente c’è una discussione sul nome del bambino”, ha detto.

Spesso un rabbino può offrire suggerimenti per aggiungere nuove tradizioni alla denominazione del bambino.
Congregazione Shearith Israele Rabbi Ari Kaiman non aveva officiato a un pipistrello simchat da quando la crisi COVID è iniziata, ma ha detto che sarebbe stato disposto a lavorare con una famiglia per creare l’esperienza. Ha condiviso un rituale comune che lui e sua moglie ha sviluppato per le celebrazioni simchat bat delle loro tre figlie.

“Una grande candela in piedi è accesa, che rappresenta la nuova luce che questa nuova vita porta al mondo. Tutti i partecipanti accendono un tealight che stanno tenendo dalla fiamma della grande candela, rappresentando il modo in cui la nostra luce si intreccia l’una con l’altra in comunità. Una volta accese tutte le luci, ha detto: “Ho invitato i partecipanti a offrire benedizioni nel loro cuore prima di spegnere queste candele.”La grande candela può quindi diventare un oggetto rituale per viaggiare attraverso la vita della bambina, utilizzata al Bat Mitzvah, al matrimonio e ad altri momenti importanti.

Kaiman ha detto che se un pipistrello simchat dovrebbe avvenire durante COVID-19 e Zoom viene utilizzato, forse gli ospiti possono accendere le proprie candele del tè a casa, e offrire le loro benedizioni per il bambino come parte della cerimonia.

Gli ospiti possono anche lasciare buoni auguri su Zoom, livestreaming o altre piattaforme video utilizzate.

Il movimento ricostruzionista, www.ritualwell.org, offre una varietà di modi creativi per condurre una denominazione del bambino che include preghiere tradizionali e nuove che includono la ricerca di luoghi all’aperto inaspettati, come il mare o un fiume, dove si può tenere questo simcha, oltre al santuario interno di una sinagoga o una casa.
Eichler-Levine ha detto che gli ebrei hanno a lungo armeggiato con la tradizione, e nomi bambino di oggi mostrano come “stiamo assolutamente vivendo in un momento affascinante per la creatività intorno genere e rituale ebraico.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.