È sicuro ordinare cose online da Amazon durante il blocco del coronavirus?

Poiché il blocco dell’India si estende dal suo periodo iniziale di 21 giorni al 3 maggio, gli indiani rimangono a casa per appiattire la curva.

Oltre a uscire solo per essentials, e affidarsi a portali online per averli consegnati è anche una possibilità.

Ma alcune persone sono concerate – è sicuro?

Il gigante dell’e-commerce online Amazon ha implementato una serie di misure igieniche preventive attraverso i suoi siti per aiutare a mantenere al sicuro i partner di consegna e i clienti.

Ecco alcuni miti popolari sfatati.

1. Mito: “Gli ordini online non sono sicuri durante il blocco.”

Fatto: Amazon ha cambiato il processo di consegne. All’inizio e alla fine dei percorsi, gli associati di consegna sono stati invitati a pulire tutte le superfici frequentemente toccate dei loro veicoli e dispositivi di consegna.

Ai Delivery associates è stato anche chiesto di lavarsi spesso le mani con acqua e sapone per almeno 20 secondi o di utilizzare un disinfettante per le mani o un detergente a base alcolica.

Inoltre, Amazon ha dato mandato a tutti i collaboratori di consegna di rimanere a casa se si sentono male o hanno la febbre.

2. Mito: “Ricevere un pacco dal socio di consegna a portata di mano è rischioso.”

Fatto: In aderenza alle nuove norme di allontanamento sociale, il socio di consegna posizionerà il pacco a portata di mano e manterrà una distanza di 2 metri. Nel caso in cui ci sia spazio limitato a portata di mano, il pacchetto sarà collocato in un luogo adatto che l’associato richiederà di identificare, pur mantenendo una distanza di 2 metri. Consegna senza contatto!

3. Mito: “Gli associati di consegna operano senza le giuste autorizzazioni durante il blocco.”

Fatto: Il governo dell’India ha permesso ai giocatori di e-commerce come Amazon di consegnare beni di prima necessità durante il blocco. Le autorità locali hanno anche accelerato il processo per fornire pass limitati agli associati di consegna che consente loro di consegnare gli ordini dei clienti senza affrontare alcun tipo di problema sul campo.

4. Mito: “Va bene scambiare / restituire i prodotti a casa mia durante il blocco.”

Al fine di aderire al allontanamento sociale, e come ulteriore misura precauzionale Amazon ha temporaneamente sospeso i processi che richiedono interazione e coinvolgimento a portata di mano del cliente.

5. Mito: “Gli associati di consegna online operano in spazi di lavoro impuri affollati.”

Fatto: Amazon ha aumentato la frequenza e l’intensità della pulizia in tutti i siti, compresa la sanificazione regolare di maniglie delle porte, corrimano, touch screen, scanner e altre aree frequentemente toccate. Le stazioni di lavoro vengono regolarmente pulite e disinfettate e si consiglia a tutti di mantenere una distanza di sicurezza l’una dall’altra.

Mentre gli studi dimostrano che il coronavirus può sopravvivere su scatole di cartone, il General World Health Organization Advisory (WHO) ti chiede di scartare la scatola dopo aver recuperato l’oggetto dall’interno e poi lavarti le mani per sbarazzarti del virus.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.